Home / Rubriche / Knit and Quilt / Knit and Quilt: eccoci al prologo

Knit and Quilt: eccoci al prologo


Firenze
. Eccoci al prologo di questo appuntamento settimanale! Perché abbiamo riunito nella stessa rubrica due forme d’arte apparentemente diverse tra loro? Perché la cosa che ci affascina di più di entrambe, e ad entrambe, è sicuramente il potere che queste due passioni hanno nel far aggregare le persone. Non a caso noi due ci siamo incontrate “sferruzzando” e “cucendo”! Anche se la maglia, sicuramente in Italia, è molto più conosciuta rispetto al patchwork, intorno all’arte delle pezze le persone si sono riunite prima.

Basti pensare a tutte quelle associazioni locali dove le interessate/i si incontrano per cucire insieme, imparare nuove tecniche e promuovere eventi per far conoscere e condividere la loro passione. E’ come ripercorrere quello che facevano le donne americane nel IX secolo ritrovandosi per confezionare un quilt (trapunta) per una amica in procinto di sposarsi. La più importante e la più conosciuta delle associazioni nel nostro Paese è sicuramente Quil Italia (sito web).

In questo periodo però la maglia è stata riscoperta in maniera incredibile e riesce a riunire persone in ogni dove e in ogni momento. Quanti knit cafè infatti sono nati e quanti gruppi si sono creati intorno a questa passione è qui sicuramente il più importante è l’associazione Cuore di Maglia (sito web) dove le “knitter” si riuniscono per confezionare capi da destinare ai bimbi nati prematuramente nei reparti di neonatologia delle varie maternità di Italia.

La riscoperta e la diffusione di questa antichissima arte è dovuta anche alla diffusione dei ferri circolari, che se conosciuta in altri paesi europei, nel nostro non era d’uso comune. Un’altra cosa che unisce queste due passioni? è il potere anti stress! Se lavorare a maglia è considerato addirittura una forma di meditazione il cucito, richiedendo spesso molta concentrazione, riesce a farti estraniare dal resto del mondo! Provare per credere!

Fatto è che intorno alla maglia e al patchwork, ci si ritrova per divertirci, sentirci bene e rasserenare le giornate con qualcosa che ci piace. E noi due faremo di tutto perché questa nostra rubrica vi possa far passare piccoli momenti di puro divertimento. A giovedì prossimo.

(di Anna Maria Turchi ed Emma Fassio)

Il blog di Emma Fassio.
Il blog di Anna Maria Turchi.

Leggi anche

Cappelli vintage Anni ’20

Firenze. “Cappelli vintage Anni ’20“, l’ultimo manuale di uncinetto scritto da Nerina Fubelli per Corrado …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *