Home / Lifestyle / Hi-tech / Dalla Cina la prima bici che purifica l’aria dallo smog

Dalla Cina la prima bici che purifica l’aria dallo smog

Pechino. Traffico e smog sono un’accoppiata vincente; vanno a braccetto, si nutrono l’uno dell’altro, ci fanno perdere tempo buttando via ore ed ore durante l’anno in estenuanti code per le strade delle nostre città è per di più non giovano certo alla nostra salute. Fisica e mentale. Uno studio di Inrix, condotto nel 2015, ha rivelato come in Italia vengano trascorse circa 19 ore l’anno in coda, con Milano primatista triste della graduatorie con un picco di addirittura 52 ore perse in tangenziale.

Ma come sempre c’è chi sta peggio; il caso dei cinesi è eclatante, con pedoni, motociclisti e ciclisti obbligati ad indossare mascherine protettive e col governo che finalmente è corso ai ripari investendo miliardi sulle energie rinnovabili, su auto a minori emissioni e soprattutto sulla sharing economy.

Pensare alla salute nostra e del nostro pianeta è un obbligo; per questo sempre più persone ricorrono all’energia pulita della bicicletta per girare in città (quando possibile). E se proprio la bici, oltre ad essere un toccasana per il nostro fisico, aiutasse anche a purificare l’aria, intossicata, che respiriamo? E’ la domanda che si sono posti alla Ofo, startup tra le più famose in Cina, app usatissima di bike sharing, che adesso vuole realizzare la prima bicicletta in grado di filtrare lo smog e far respirare aria pulita.

Per farlo è stato chiesto l’aiuto degli olandesi di Studio Roosegaarde, che hanno messo a punto un primo prototipo che consente di pedalare, raccogliere l’aria inquinata, depurarla attraverso dei filtri disposti lungo il manubrio e rilasciare aria pulita intorno al ciclista. Prototipo che dovrebbe divenire realtà commerciale in Cina entro la fine dell’anno, e che vorrebbe sfruttare il grande successo di Ofo – che conta su una flotta di 6,5 milioni di bici sparse in 150 città cinesi, con oltre 3 milioni di utenti al giorno – per arrivare un pò ovunque nel Paese, aiutando così a ridurre il tasso di inquinamento cittadino.

(di Alessandro Marinai)

Leggi anche

F1, il dopo Gp Stati Uniti

Austin. Nel giorno del quarto titolo costruttori di filato per la Mercedes, vera dominatrice dell’era …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *