Home / Notizie / Esteri / Alta tensione in Kenya dopo la rielezione di Kenyatta

Alta tensione in Kenya dopo la rielezione di Kenyatta

Nairobi. La rielezione di Uhuru Kenyatta alla guida del Kenya ha riaperto una ferita che scorre lungo tutto il paese africano. I detrattori e gli oppositori di Kenyatta sono scesi per le strade delle varie città, soprattutto quelle più povere del Kenya, per manifestare il loro malcontento. E gli scontri con la polizia, alla fine, sono stati inevitabili, ed hanno portato anche a due morti. La situazione più critica si è avuta alla periferia di Kimusu, città che ha sostenuto fortemente lo sfidante di Kenyatta, Raila Odinga.

Al principio di tutto l’esito incerto di questa tornata elettorale, che ha visto il riconteggio dei voti durare diversi giorni; la commissione elettorale ha infine sancito la vittoria di Kenyatta, ma non senza le proteste dell’opposizione che accusa una serie di brogli informatici che sarebbero andati a favorire il vincitore.

Uhuru Kenyatta è così al suo secondo mandato presidenziale. Cinquantacinque anni, figlio del primo presidente del Kenya, ha vinto col 54,27% delle preferenze, contro il 44,74% del rivale. E adesso viene chiamata l’unità nazionale: “mi rivolgo a te e a tutti i tuoi sostenitori, noi non siamo nemici, noi siamo tutti cittadini della stessa Repubblica”, ha dichiarato Kenyatta riferendosi al leader dell’opposizione.

(di Alessandro Marinai)

Leggi anche

Diminuiscono i reati, si rafforza il sentimento di paura

Firenze. Lo ha detto Marco Minniti, ministro dell’Interno, nella scorsa conferenza stampa di Ferragosto: i …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *