Home / Notizie / Esteri / In Venezuela è scontro tra Parlamento e Costituente

In Venezuela è scontro tra Parlamento e Costituente

Caracas. Il Palazzo dell’Assemblea Nazionale di Caracas rispecchia alla perfezione quella che è la situazione attuale del Venezuela: una unica casa per due fazioni distinte e contrapposte, che si combattono per il potere del Paese. Perché se è vero che da una parte la Costituente di Maduro è nata e ha preso il proprio posto nella vita legislativa venezuelana, dall’altra il Parlamento eletto (e antichavista) continua la propria lotta proprio contro il presidente, accusato di aver messo in piedi una vera e propria dittatura. Uno scontro quotidiano che – oltre nelle strade – si consuma, appunto, all’interno del Palazzo dell’Assemblea Nazionale.

“Questa Assemblea Nazionale ha legiferato e continuerà a legiferare sui problemi della gente. Quella presa in giro d’Assemblea Costituente si occupa invece soltanto di risolvere i problemi politici di Maduro, ripartire quote di potere ed incarichi e continuare a riempire il Paese d’odio e di contro”, dichiara Jose Manuel Olivares, deputato d’opposizione per lo Stato di Vargas.

Ma se per l’opposizione è colpa del governo se alcuni esponenti militari hanno ritenuto necessario fare ricorso alle armi per risolvere questa situazione politica, per Diosdado Cabello, numero due del chavismo, l’opposizione solleva accuse del tutto infondate: “da destra continuano ad attaccare la Costituente e noi continueremo a lavorare, continueremo ad andare avanti; riguardo alle decisioni prese è importante che il Paese sappia che ci atteniamo rigorosamente alla legge della Costituzione del 1999”.

E mentre fino ad ora le strade si sono riempite di proteste anti Maduro, proprio il potere chavista ha deciso di passare al contrattacco organizzando, nella giornata di lunedì scorso, una grande manifestazione in sostegno del governo e della Costituente; la cui prima mossa, però, è stata quella di sbarazzarsi in men che non si dica della ex procuratrice generale della Repubblica Luisa Ortega Dìaz, vera spina nel fianco di Maduro da quanto, lo scorso 31 marzo, qualificò come violazione dell’ordine costituzionale le due sentenze del Tribunale supremo di giustizia che sopprimevano i poteri del Parlamento.

(di Alessandro Marinai)

Leggi anche

Mezzo secolo d’arte con le Misurazioni di Eliseo Mattiacci

Firenze. Si inaugura sabato 28 ottobre alle 18 nella Galleria Poggiali di Firenze (via della …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *