Home / Notizie / Cronaca / Mafia capitale: tutte le condanne

Mafia capitale: tutte le condanne

Firenze. La decima sezione penale del Tribunale di Roma ha condannato l’ex terrorista nero Massimo Carminati e “il re delle cooperative”, Salvatore Buzzi, rispettivamente a 20 e 19 anni di carcere nell’ambito del processo di Mafia capitale, con 46 imputati, 19 con l’accusa di 416 bis, che si è svolto nell’aula bunker di Rebibbia. Secondo la Procura di Roma, quella messa in piedi dagli imputati, era un’associazione che, utilizzando il metodo mafioso, fatto di assoggettamento, intimidazione e omertà, avrebbe gestito molte gare e appalti della Pubblica amministrazione: dai rifiuti ai profughi al verde pubblico, grazie anche ai politici corrotti.

Per il politico Luca Gramazio (classe 1980), la condanna è stata a 11 anni di carcere; per Mirko Coratti, ex presidente dell’Assemblea capitolina, a 6 anni; per Riccardo Brugia, considerato il braccio destro di Massimo Carminati, a 11 anni di reclusione. I giudici, inoltre, hanno condannato a 10 anni di carcere l’ex amministratore delegato di Ama, Franco Panzironi. Condanna a 5 anni di carcere per Andrea Tassone, ex presidente del Municipio di Ostia, in quota Pd. Per Giordano Tredicine, ex consigliere di Forza Italia, la condanna è stata a 3 anni di reclusione.

Luca Odevaine, ex componente del Tavolo di coordinamento nazionale sui migranti del Viminale, è stato condannato a 6 anni e 6 mesi di reclusione; una pena poi determinata nella misura complessiva di 8 anni di reclusione per la continuazione di pene già inflitte in precedenza. Condanna a 5 anni di carcere anche per Nadia Cerrito, segretaria di Salvatore Buzzi, per la quale la pubblica accusa aveva chiesto 18 anni di reclusione. Tra i condannati anche Pier Paolo Pedetti, ex consigliere del Pd, con una pena stabilita in 7 anni di carcere.

Sono stati assolti, invece, l’ex dg di Ama, Giovanni Fiscon, Giuseppe Mogliani, Fabio Stefoni, Rocco Rotolo e Salvatore Ruggiero.

Mafia capitale: tutti i condannati

Claudio Bolla (6 anni), Stefano Bravo (4 anni e 6 mesi), Riccardo Brugia (11 anni), Emanuela Bugitti (6 anni), Salvatore Buzzi (19 anni), Claudio Caldarelli (10 anni), Matteo Calvio (9 anni), Massimo Carminati (20 anni), Nadia Cerrito (5 anni), Pierina Chiaravalle (2 anni e 8 mesi), Mario Cola (5 anni), Sandro Coltellacci (7 anni), Mirko Coratti (6 anni), Giovanni De Carlo (2 anni e mezzo), Paolo Di Ninno (12 anni), Antonio Esposito (5 anni), Franco Figurelli (5 anni), Agostino Gaglianone (6 anni e mezzo), Alessandra Garrone (13 anni e mezzo), Luca Gramazio (11 anni), Carlo Maria Guarany (5 anni), Cristiano Guarnera (4 anni), Giuseppe Ietto (4 anni), Giovanni Lacopo (6 anni), Roberto Lacopo (8 anni), Guido Magrini (5 anni), Sergio Menichelli (5 anni), Michele Nacamulli (5 anni), Luca Odevaine (6 anni e 6 mesi, che diventano 8 in continuazione con due precedenti patteggiamenti), Franco Panzironi (10 anni), Pier Paolo Pedetti (7 anni), Marco Placidi (5 anni), Carlo Pucci (6 anni), Daniele Pulcini (1 anno), Mario Schina (5 anni e mezzo), Angelo Scozzafava (5 anni), Andrea Tassone (5 anni), Fabrizio Franco Testa (12 anni), Giordano Tredicine (3 anni), Claudio Turella (9 anni), Tiziano Zuccolo (3 anni e mezzo).

Leggi anche

Non toccate il Generale Lee

New York. Combattere i comportamenti sbagliati rinnegando la storia. E’ un po’ questo il succo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *