Home / Notizie / Primo piano / Toscana: il mercato residenziale è stabile

Toscana: il mercato residenziale è stabile

Firenze. I prezzi degli immobili residenziali in Toscana seguono il trend nazionale, e il loro calo, negli ultimi mesi, sta decelerando rispetto al passato avvicinandosi alla stabilità. Secondo l’ultimo Osservatorio sul mercato residenziale di Immobiliare.it, se rispetto all’anno scorso i valori delle abitazioni toscane sono scesi del 2%, nel primo semestre 2017 il calo è stato solo dello 0,7%, e guardando all’ultimo trimestre (marzo-giugno 2017) il calo si è fermato allo 0,6%.

Per comprare un’abitazione in regione servono mediamente 2.429 euro al metro quadrato, valore che risulta essere il 27% più alto rispetto alla media nazionale (1.918 euro al metro quadrato) e poco distante rispetto alla cifra rilevata nel Centro Italia (2.305 euro al metro quadrato) Tra le città toscane, ma anche a livello nazionale, Firenze è la più cara, con una media dei prezzi pari a 3.447 euro al metro quadro; insieme a Bologna, Milano, Potenza e Venezia è uno dei capoluoghi di regione, a livello nazionale, in cui la prima parte del 2017 ha portato a un aumento dei prezzi, qui pari allo 0,6%.

Nella classifica regionale, dopo Firenze, si posiziona Siena, dove la cifra richiesta per le abitazioni, a giugno 2017, era pari a 3.154 al metro quadro, dato più alto rispetto alla media regionale, ma che ha registrato un calo dell’1,9% negli ultimi tre mesi. Al terzo posto si trova Massa, con una media di 2.834 euro al metro quadro, cifra che è diminuita dell’1,1% nell’ultimo trimestre, rispetto al calo annuale pari al 2,9% (giugno 2016-giugno 2017). In linea con l’andamento regionale, Pisa è prossima alla stabilità: i prezzi richiesti per l’acquisto di case hanno registrato, su base annua, un calo del 1,1%, mentre negli ultimi tre mesi si è fermato allo 0,2%, attestandosi a 2.602 euro al metro quadro.

A seguire si trovano Lucca e Grosseto, in cui in media sono richiesti rispettivamente 2.243 euro e 2.230 euro al metro quadro. A Lucca i prezzi hanno rilevato un calo pari all’1,7% durante il trimestre marzo-giugno, contro il calo addirittura del 4,1% su base annua. A Grosseto, invece, la situazione è diversa: se nel primo semestre dell’anno si è registrato un calo dello 0,9%, negli ultimi tre mesi i prezzi medi sono aumentati del 2,1%. Carrara è la città con il maggior calo registrato negli ultimi tre mesi (-5,9%), attestandosi a 2.067 euro al metro quadro. Una situazione simile si è rilevata a Livorno dove i prezzi richiesti per l’acquisto di case si aggirano mediamente intorno ai 1.980 euro al metro quadro: dopo un calo di solo l’1% nei primi mesi dell’anno.

Diversi sono, invece, i mercati immobiliari residenziali di Prato e Pistoia: dopo un calo rispettivamente dell’1,3% e 0,3% su base annuale, adesso i prezzi hanno ritrovato la stabilità (+0,2% e +0,7% nell’ultimo trimestre) con una cifra media di 1.972 al metro quadro a Prato e 1.807 euro al metro quadro a Pistoia. Fanalino di coda della regione è Arezzo, dove gli immobili costano mediamente 1.728 euro al metro quadrato. I prezzi del residenziale nella prima parte dell’anno avevano registrato un calo dell’1,5%, che però si è ridotto allo 0,7% negli ultimi tre mesi.

Leggi anche

Il decimo Quilting Day della Toscana

Firenze. Il primo di ottobre si terrà il decimo Quilting Day della Toscana presso l’Associazione …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *