Home / Notizie / Società / A bracciate aperte per l’ospedale in Togo

A bracciate aperte per l’ospedale in Togo

Firenze. Dall’isola di  Gorgona a Livorno A bracciaTe aperte per realizzare un ospedale pediatrico nel villaggio di Todome in Togo. Saranno quattro i  medici  dell’area fiorentina impegnati nella traversata a nuoto a staffetta di 35 chilometri con imbarcazioni cabinate di supporto. Si tratta dei dottori Stefano Michelagnoli, direttore Dipartimento specialità Chirurgiche dell’Ausl Toscana centro, Antonio Sarno, responsabile otorinolaringoiatria dell’ospedale Santo Stefano di Prato, Paolo Raugei coordinatore ecografia vascolare Azienda Usl Toscana centro, Gaetano Ricignolo medico internista della Fondazione Don Gnocchi di Firenze e Ilaria Razzolini, informatrice scientifica. Responsabili delle operazioni di appoggio in mare saranno Maurizio Petrucci e la moglie Paola Londi, infermiera della pediatria dell’ospedale di Prato.

La traversata si terrà sabato 24 giugno prossimo con partenza dall’isola di Gorgona. Alle ore 20.45 presso i bagni Lido di Livorno si terrà un apericena di solidarietà. Alle 22.00 è previsto l’arrivo dei gorgonauti. In caso di maltempo l’evento è rimandato a sabato 1 luglio. Presenterà la serata il cabarettista toscano Graziano Salvadori, artista proveniente dal gruppo di Aria Fresca. Seguirà l’esibizione al pianoforte del musicista e performer Dino Mancino. Al termine della serata è in programma la premiazione dei gorgonauti. Il presidente di The Precious Hands, dottor Edem Koffi consegnerà una medaglia per l’impegno ed il coraggio nell’affrontare una grande sfida a sostegno del progetto di costruzione dell’ospedale in Togo.

L’iniziativa è promossa dalla Onlus The Precious Hands con il patrocinio della Regione Toscana, dell’Ausl Toscana centro, del Comune di Livorno, del Collegio dei Primari ospedalieri di chirurgia vascolare  e della Fondazione Don Gnocchi. La finalità dell’iniziativa è quella di raccogliere fondi per la costruzione, già in corso, del primo ospedale pediatrico in Togo, uno Stato con una mortalità infantile molto elevata.

Il progetto di The Precious Hands è quello di sostenere il dottor Edem Koffi nella costruzione di un ospedale per bambini in Togo, uno Stato dove oltre il 50% della popolazione non può permettersi di curarsi nel Sistema Sanitario privatistico.“Non è raro incontrare un padre che trasporta il proprio figlio ammalato su una bicicletta per diversi chilometri prima di trovare un Centro sanitario,  racconta il dottor Koffi, ed è abituale che una donna non abbia effettuato nemmeno una ecografia durante i nove mesi di gravidanza. Nel Togo ci sono zone con un medico per oltre 100.000 abitanti”.

La costruzione dell’ospedale è già stata avviata, adesso è necessario completare la realizzazione del primo modulo per garantire la continuità assistenziale ai bambini e alle migliaia di persone che vivono in Togo. Attraverso l’evoluzione del progetto sarà possibile costruire un vero e proprio ospedale pediatrico ad orientamento cardio-chirurgico che sarà anche un Centro di riferimento per i Paesi confinanti come Benin, Burkina Faso, Mali e Niger per una popolazione globale di oltre 60 milioni di persone.

Il costo del primo modulo senza l’attrezzatura medica ammonta a circa 100.000,00 euro ed il costo totale della struttura attrezzata e di un anno di funzionamento si aggira attorno ai 311.220, 00 euro.

“Siamo orgogliosi di partecipare a questa iniziativa, commenta Stefano Michelagnoli, la nostra sarà una piccola impresa rispetto a quella che sosteniamo. Il nostro aiuto permetterà di aggiungere un tassello per realizzare una struttura molto importante e di riferimento per bambini e adulti che potranno ricevere cure nel loro ambiente di vita”.

(di Vania Vannucchi)

Leggi anche

Copyright, no alla condivisione a pagamento

Roma. “Discutere di come la riforma europea del copyright potrebbe cambiare la vita degli utenti del web”. Questo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *