Home / Notizie / Economia / Frena il mercato dell’automobile ad aprile

Frena il mercato dell’automobile ad aprile

Firenze. Frena il mercato dell’automobile. Un calo, secondo Acea, dovuto al fatto che quest’anno Pasqua è caduta nel mese di aprile. Ad aprile le vendite di auto in Europa sono diminuite del 6,6% a 1.191.034 unità. In particolare si è registrata una flessione a doppia cifra nel Regno Unito (-19,8%), seguita poi dalla Germania (-8%), Francia (-6%) e Italia (-4,6%). L’unico mercato in crescita è stato quello spagnolo con un aumento dell’1,1%. Nei primi 4 mesi dell’anno le immatricolazioni restano però positive con un incremento del 4,7% a 5.332.854 unità. Nel mese di aprile nell’Europa dei 28 più paesi Efta sono state vendute 1.230.235 auto, il 6,8% in meno dello stesso mese del 2016. Nei primi quattro mesi dell’anno le immatricolazioni sono state 5.487.695, con una crescita del 4,5% sullo stesso periodo del 2016.

In questo scenario, Fiat Chrysler Automobiles per l’ennesima volta – si legge in una nota dell’azienda – ottiene un risultato migliore di quello del mercato: è il quarto costruttore con 89.300 immatricolazioni in aprile, sostanzialmente in linea rispetto all’anno scorso, in un mercato fortemente condizionato da festività e “ponti”. Quota in crescita di mezzo punto percentuale, al 7,3%. Positivo il saldo nel progressivo annuo: nel primo quadrimestre del 2017 Fca ha registrato 392.400 vetture, incrementando le vendite del 10,8%, in un mercato cresciuto del 4,5%. La quota di Fiat Chrysler Automobiles è stata del 7,2%, in aumento dello 0,5% in confronto al 2016. Nel mese Fca ha ottenuto risultati in controtendenza rispetto al mercato in Germania (+26,8% in confronto al -8% complessivo tedesco) e in Francia (+5% rispetto al -6% del mercato) mentre in Spagna le immatricolazioni di Fca sono aumentate del 6,1% in un mercato cresciuto dell’1,2%.

In aprile sono state 67 mila le immatricolazioni in Europa del marchio Fiat, per una crescita di quota (al 5,4%) dello 0,2% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso. Nel progressivo annuo le registrazioni del brand sono state 296.800 (il 10,4% in più in confronto al primo quadrimestre 2016) per una quota al 5,4%, con un incremento dello 0,3%. Oltre alle crescite in Francia (+3,9%) e in Spagna (+8%) Fiat ha ottenuto un ottimo risultato in Germania, dove le vendite sono aumentate del 24,5%. Ancora una volta Panda e 500 sono state le due vetture più vendute del segmento A con una quota attestata intorno al 30%. Nel primo quadrimestre del 2017 entrambe le vetture hanno aumentato le immatricolazioni rispetto all’anno scorso: +1% la Panda (74.600 registrazioni), +2,6% la 500 (quasi 70.200 immatricolazioni). Da segnalare anche i risultati della Tipo (prima della sua categoria in Italia, in Europa si sta avvicinando rapidamente alle prime posizioni del segmento C), della 500X (stabilmente tra le cinque vetture più richieste del suo segmento) e della 500L, ancora una volta leader della sua categoria con una quota nel mese del 28,5%. Lancia/Chrysler in aprile ha immatricolato oltre 5.900 vetture, per una quota stabile allo 0,5%. Nel primo quadrimestre dell’anno sono state quasi 27.500 le Lancia registrate, in crescita dell’1,8%, con una quota allo 0,5%.

Continua senza fine il successo della Ypsilon, prima del segmento B in Italia, le cui immatricolazioni nell’anno sono aumentate del 2 per cento rispetto al primo quadrimestre del 2016. In aprile Alfa Romeo è stata protagonista di un vero e proprio exploit, con le vendite (quasi 7.400) in aumento del 52,2%. La quota è aumentata dello 0,2% attestandosi allo 0,6%. Altrettanto positivi i risultati nel progressivo annuo: poco meno di 28.900 immatricolazioni (il 38,7% in più in confronto con lo stesso periodo del 2016) e quota allo 0,5%, +0,1%. Il marchio ha ottenuto elevati valori di crescita delle registrazioni in Italia (+46,6% in aprile e +35,7% nel quadrimestre) in Germania (+162,7% nel mese e +94,5% nel progressivo annuo), in Francia (rispettivamente +55,4% e +22,4%).

L’exploit di immatricolazioni del brand è merito naturalmente di Giulia e Stelvio. La prima sta continuando a scalare la classifica di vendita del suo segmento: in Italia è già stabilmente tra le vetture più vendute del segmento D con una quota del 12,4%. La Stelvio ha già conquistato nel nostro Paese la corona di vettura più venduta della sua categoria (con una quota dell’11,8%) e le sue immatricolazioni sono in costante crescita in tutta Europa. Il marchio Jeep in aprile ha registrato oltre 8.200 vetture con una quota stabile allo 0,7%. Nel primo quadrimestre del 2017 le Jeep immatricolate sono state di 35.400, le stesse di un anno fa, con una quota dello 0,6%. In aprile per Jeep vanno segnalati i risultati di Germania e Spagna, dove il marchio ha aumentato le vendite rispettivamente del 18,1% e del 10,1%. Anche in aprile Renegade è stabilmente nella top ten del suo segmento, con una quota del 6,2% e nell’anno ha incrementato le immatricolazioni del 7,8% rispetto allo stesso periodo del 2016. Il marchio di lusso Maserati ha immatricolato 754 vetture in aprile e 3.840 nel quadrimestre.

Leggi anche

Italia: l’economia in nero vale il 12,6% del Pil

Firenze. Nel corso del 2015, l’economia non osservata (sommerso economico e attività illegali) vale circa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *