Home / Lifestyle / Auto e motori / GridMotion, l’auto che restituisce l’energia alla rete

GridMotion, l’auto che restituisce l’energia alla rete

Parigi. In Giappone ne sono convinti da tempo: le auto elettriche possono essere un validissimo strumento per stabilizzare la rete elettrica. E adesso, questo tipo di sperimentazione, arriva anche nel Vecchio continente, grazie alla collaborazione tra il gruppo PSA ed Enel.

Il progetto si chiama GridMotion; le auto del gruppo francese, grazie ad una innovativa tecnologia, diventeranno dei veri e propri “accumulatori” in grado di restituire l’energia immagazzinata alla rete quando serve.

Normalmente le auto vengono parcheggiate di notte, quando molto meno usate; e quelle elettriche non fanno eccezioni, anzi. Ed è di notte che queste vengono allacciate alla rete per la ricarica, quando il costo dell’energia è minore e c’è un surplus di produzione. L’idea è quella di restituire questa energia, in parte, quando invece la domanda verso la rete sale, contribuendo così a stabilizzare la rete stessa – magari venendo anche retribuiti per questo aiuto, magari!

Il progetto è supportato dalla danese Technical University, ma i volontari verranno scelti in Francia, dove è più alta la probabilità di trovare proprietari di Peugeot iOn e Citroen C-Zero, ovvero i veicoli designati ai test. E l’Enel avrà il compito di fornire la speciale colonnina di ricarica V2G (Vehicle To Grid) che permette sia la ricarica che il processo inverso di cessione dell’energia.

(di Alessandro Marinai)

Leggi anche

F1, qualifiche Gp Singapore

(di Alessandro Marinai)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *