Home / Notizie / Esteri / Scosse di assestamento nella politica francese

Scosse di assestamento nella politica francese

Parigi. Periodo di interregno, periodo di attesa e di lavoro; periodo tra presidenziali e legislative. Quest’ultime che si terranno il prossimo 11 giugno, e che saranno il vero banco di prova non solo per il presidente neo eletto, Emmanuel Macron, ma anche per tutti gli altri partiti e corrispettivi leaders, dopo il terremoto delle ultime elezioni, terremoto che ha sconvolto e modificato non di poco il panorama politico transalpino.

Che adesso è chiamato a ritrovare sé stesso, a rinnovarsi, anche profondamente. Ed ecco quindi che l’ex Premier francese, Manuel Valls, sale immediatamente sul carro del vincitore annunciando la volontà di candidarsi con La Republique en Marche di Macron, abbandonando definitivamente i socialisti. “Questo partito socialista è morto, è acqua passata. Non certo la sua storia e i suoi valori, ma deve andare avanti”.

“Non crediamo che si possa lottare contro la frammentazione politica in atto nel nostro Paese attraverso un’unica formazione politica. Crediamo che la modernità, la capacità di rinnovarsi, consista nel riflettere su come creare unione”, è stata la dichiarazione piuttosto anodina di Jean-Christophe Cambadelis, portavoce del Ps che sta arrancando per trovare una posizione univoca in vista delle prossime legislative. Partito socialista che però pare in frantumi, e che con la fuga di Valls potrebbe ricevere il colpo di grazia definitivo.

Ma proprio l’annuncio di Valls è stato accolto con freddezza da Manuel Macron e dal suo staff, che si riserva l’appoggio alla nuova candidatura dell’ex Premier.

Dall’altro versante, quello degli sconfitti alle presidenziali, terremoto interno al Front National, dal quale arriva la notizia dell’abbandono di Marion Marechal Le Pen, nipote di Marine. Marion che abbandona “per ragioni personali e politiche”, ha spiegato lei stessa in una lunga lettera alla stampa. Abbandono che potrebbe essere anche solo temporaneo, ma che nei fatti allunga la lista dei drammi politico familiari di un partito che a detta di molti, adesso, rischia anch’esso l’implosione dopo la debacle di Marine Le Pen alla corsa all’Eliseo.

(di Alessandro Marinai)

Leggi anche

All’asta i cimeli della missione Apollo 11

New York. Un prezzo che va dai 2 ai 4 milioni di dollari; è la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *