Home / Lifestyle / Auto e motori / Norvegia: rivoluzione elettrica

Norvegia: rivoluzione elettrica

Oslo. In Norvegia c’è un comparto dell’automotive che tira parecchio, più che in tutto il resto d’Europa: è quello delle auto elettriche ed ibride. Un Paese veramente paladino della mobilità sostenibile, col 28,8% di auto a batteria vendute, nel 2016, sul totale nazionale e con un 19% di queste completamente elettriche. E come se non bastasse, la rinata anima ecologica dei norvegesi ha fatto segnare un ulteriore incremento di vendite di queste “auto alla spina” del 37% nel solo mese di gennaio 2017. Tradotto in numeroni che interessano, equivale a 4.800 veicoli immatricolati in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Non vi basta per rendere l’idea? Vediamo un po’ cosa accade nel nostro Paese: qui da noi, solo l’1% dei veicoli immatricolati nuovi è elettrico o ibrido (1.000 nuove autovetture ogni anno). La disparità dei due mercati balza subito agli occhi.

Le protagoniste di questo nuovo boom elettrico in Norvegia hanno diversi nomi: si va dalla Bmw i3 – con 622 unità vendute – alla Volvo XC90 in versione ibrida – con 398; vengono poi la VW Passata Gte, la Tesla Model S e Model X. New entry la Hyundai IONIQ Electric.

E se l’elettrico sale, il diesel va a morire, con solo il 13% del totale di auto. Che molto probabilmente diminuirà ulteriormente col prossimo arrivo sul mercato di tutta una nuova serie di autoveicoli elettrici che nell’arco di pochi mesi andranno a coprire alcuni segmenti ancora privi dell’alternativa green – come la Opel Ampera-e.

Se il paese continuerà su questo trend, molto probabilmente, entro la fine dell’anno, si toccherà il ragguardevole traguardo di un’auto circolante su due a batteria. Poi, pensando ad un futuro un po’ più lontano, ma non così remoto, cioè al 2025, il governo punta al raggiungimento del 100% elettrico. Merito di una politica attenta all’argomento ormai da molti danni, che punta su forti incentivi all’acquisto (come lo sconto sull’Iva del 25%) e su una rete molto diffusa, praticamente capillare, delle colonnine per la ricarica.

(di Alessandro Marinai)

Leggi anche

Attacco al cuore di Londra

Londra. Il bilancio del tutto provvisorio di quello che Scotland Yard ha definito “un attentato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *