Home / Notizie / Cronaca / Tommaso Fattori attacca Enrico Rossi: “In Toscana viene servita la solita minestra”

Tommaso Fattori attacca Enrico Rossi: “In Toscana viene servita la solita minestra”

Tommaso Fattori

Firenze. Tommaso Fattori, capogruppo di Sì Toscana a Sinistra in Consiglio regionale, commenta la nascita del nuovo gruppo dei Democratici Progressisti in Consiglio regionale e la strana coalizione che governerà la Toscana: “Credo che il palindromo Pd-Dp riveli la sostanza della cosa: due gemelli allo specchio. Non a caso qui in Regione Toscana viene servita la solita minestra. Non è uno scontro fra diverse visioni del mondo, ma un più prosaico scontro fra imprenditori politici”.

“Trovo paradossale che Rossi, diventato più renziano di Renzi dal momento in cui gli è stata assicurata la ricandidatura alla presidenza della Regione, adesso si scopra paladino di un’assai confusa rivoluzione socialista. Oggi stesso ha rivendicato in aula il suo convinto sì alla riforma costituzionale di Renzi. Ed è lo stesso Rossi che si è schierato contro l’articolo 18 o che ha lodato il Jobs act, vantandosi di aver voluto fare della Toscana il suo laboratorio di applicazione. E’ lo stesso Rossi che ha battezzato il Toscanellum, la legge elettorale toscana che è stata la madre dell’Italicum; così come è lo stesso Rossi che ha privatizzato le quote dell’aeroporto di Pisa per fare un piacere ad Eurnekian e dare il via al nuovo aeroporto di Firenze, per non dire delle aperture ai privati nella sanità e nei servizi pubblici. Cosa questo cursus honorum abbia a che vedere non dico con il socialismo ma almeno con una vaga idea di sinistra, resta un mistero”.

“Rossi sembra descriversi come un Bernie Sanders in salsa toscana ma la storia dei Sanders e dei Corbyn è un’altra – ha continuato Fattori – è quella di chi ha condotto per decenni una ferrea opposizione all’interno dei propri partiti all’establishment responsabile di privatizzazioni e controriforme che hanno tolto diritti e ulteriormente precarizzato il lavoro, proprio come il Jobs act. I Sanders e i Corbyn hanno coerentemente portato avanti un programma alternativo, per una vita intera, ed è proprio la coerenza che serve ad una nuova sinistra. Senza coerenza, non c’è credibilità”.

Leggi anche

Aidda Toscana: tavola rotonda sull’imprenditoria femminile e sulle nuove leggi

Firenze. La presidente della delegazione Toscana di Aidda, Maria Stella Reali Bigazzi, e la consigliera …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *