Home / Notizie / Cronaca / Due gravi incidenti sul lavoro in Toscana: a Vinci e Montespertoli

Due gravi incidenti sul lavoro in Toscana: a Vinci e Montespertoli

Firenze. Un uomo di 60 anni, Nicolò Giuseppe Vecchio, è morto ieri nella campagne di Vinci (Firenze), in un’incidente sul lavoro avvenuto intorno all’area dove è in corso la ristrutturazione di un casolare. “Nicolò era una operaio da noi conosciuto ed apprezzato; un operaio che ha iniziato a lavorare in giovanissima età, che pochi giorni fa era venuto da noi per avere informazioni sulla possibilità e i tempi di andare in pensione. Siamo profondamente addolorati, ci stringiamo attorno alla sua famiglia, di cui siamo a disposizione, e ai compagni di lavoro. La dinamica dell’infortunio subito da Nicolò non è stata ancora definita e noi riponiamo la massima fiducia sugli enti di controllo e la magistratura”, afferma Stefano Pini di Fillea Cgil Firenze.

La situazione del settore è drammatica e inaccettabile, sia a livello nazionale che fiorentino. “Anche a Firenze, purtroppo, si evidenzia l’urgenza di un investimento maggiore nella prevenzione e nei controlli dei cantieri – spiega Pini – basta vedere che a Firenze l’incidenza degli infortuni in edilizia negli ultimi anni è mediamente peggiorata rispetto alle altre province della Toscana. Anche la questione anagrafica è un aspetto da evidenziare in quanto, secondo le nostre statistiche, un infortunio mortale su quattro è subito da un operaio over 60. Per queste ragioni la Fillea sostiene da tempo che il legislatore deve intervenire con urgenza per anticipare l’accesso alla pensione degli edili, oltre che a prevedere una normativa nuova in materia di omicidio per incidente sul lavoro”.

Oggi, inoltre, un operaio si è gravemente infortunato cadendo da otto metri di altezza nella frazione di Martignana (stava eseguendo delle operazioni sul tetto di un capannone e la copertura avrebbe ceduto), nel Comune di Montespertoli (Firenze). “E’ insopportabile la frequenza con cui si verificano infortuni sul lavoro che, in alcuni casi, diventano vere e proprie tragedie. Abbiamo la necessità di riportare al centro del dibattito politico il tema della sicurezza sul lavoro, di non considerarla più un optional. C’è bisogno di una legislazione stringente, è un fatto di civiltà”, commenta Sergio Luschi (coordinatore della Cgil di Empoli) dopo gli incidenti di Vinci e Montespertoli. Solo due settimane fa a Barberino ha subito un grave infortunio (colpito gravemente al volto e all’occhio) un operaio: sulla questione degli infortuni sul lavoro, la Fillea Cgil fiorentina intende chiedere un incontro al prefetto.

Leggi anche

Pasqua al lavoro per 4,7 milioni di italiani

Firenze. Secondo un’analisi condotta dall’Ufficio studi della Cgia di Mestre e riferita al 2016, sono …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *