Home / Lifestyle / Hi-tech / La rivoluzione dello streaming

La rivoluzione dello streaming

Bruxelles. Su un punto, almeno, l’Europa sta tentando di diventare sempre più unita: si tratta della decisione, da parte della Commissione europea, di istituire quello che potremmo chiamare “passaporto europeo” nel complicato ambito dei servizi a pagamento online.

Per parlare in maniera più chiara, con servizi a pagamento si intende qui soprattutto quelli riguardanti gli abbonamenti tv, oggi entrati di prepotenza a far parte della vita quotidiana di tutti noi. Dal 2018 sarà quindi possibile godere dei servizi in streaming in maniera gratuita in tutta Europa; a patto di aver pagato l’abbonamento nel proprio Paese di residenza. Film, serie tv, partite di calcio, gare di Formula 1; non ci sarà vacanza che tenga, dovunque andremo, in Europa, le nostre passioni ci seguiranno. Senza alcun costo aggiuntivo.

I providers dovranno adottare controlli più severi di adesso, almeno per evitare gli abusi di quella che si preannuncia come una vera e propria rivoluzione; e della quale gli utenti sono più che contenti. Rimane però un nodo da sciogliere, che riguarda un Paese da poco fuori dalla Ue: il Regno Unito. Tutto dipenderà dai trattati che Londra si appresta a sottoscrivere con Bruxelles.

(di Alessandro Marinai)

Leggi anche

Un gatto per amico a Firenze

Firenze. I gatti più belli, rari e particolari del mondo arrivano a Firenze, presso l’Obihall …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *