Home / Notizie / Esteri / Hillary Clinton: la vittoria di Trump sarà l’apocalisse

Hillary Clinton: la vittoria di Trump sarà l’apocalisse

US-VOTE-DEMOCRATS-DEBATE

New York. Una minaccia, o forse una sentenza? Di sicuro parole dure, pesanti, che hanno l’effetto di colpire chiunque le ascolti: “sono l’ultima cosa tra voi e l’apocalisse”. Con questa frase Hillary Clinton ha parlato agli americani riferendosi al rivale Donald Trump; come a dire che se sarà lui ad uscire vincitore dalle prossime presidenziali, per l’America non potrà essere altro che la fine.

Una lunga ed interessante intervista quella che la candidata democratica ha rilasciato al New York Times; intervista nella quale ha parlato della difficoltà di correre contro un personaggio come Trump: “è diverso. Se stessi correndo contro un altro repubblicano, avremmo i nostri disaccordi, non fraintendetemi, e farei di tutto per vincere. Ma non andrei a letto di notte con un nodo allo stomaco. Ho avuto l’opportunità di incontrare molti presidenti negli anni. Mi sono trovata in disaccordo con loro ma non ho mai dubitato per un secondo del fatto che si svegliavano ogni giorno con l’intento di capire quale fosse la strada migliore per il Paese. Almeno loro erano persone serie”, chiude la ex segretario di Stato.

La Clinton non ha paura di perdere, è sicura di non perdere. Lo afferma lei stessa: “no, non perderò”. E promette di unire le persone, come d’altra parte recita il motto della sua campagna “Stronger together”, più forti insieme, di cui va molto fiera: “funziona, in parte perché ci credo. Come altrimenti possiamo portare le persone a superare le barriere che le dividono? Riuscirci richiede un vero storytelling. E credo che da presidente possono raccontare quella storia. E’ più difficile da candidato”.

La caduta verso gli abissi è la percezione che tutto il team che circonda la Clinton ha nel caso vedesse esaudirsi l’incubo di una elezione di Trump alla Casa Bianca. Per fare un esempio, nel 2012, il team di Obama, per quanto volessero la sua rielezione a presidente, non avevano questa stessa percezione nel caso di una vittoria dello sfidante, allora Mitt Romney. Ma Trump, è Donald Trump; tutto un altro personaggio, nel bene e nel male. E Hillary Clinton lo sa benissimo.

(di Alessandro Marinai)

07clintonplaneweb1-facebookjumbo

Leggi anche

Finte vaccinazioni a Treviso

Treviso. Nella querelle rinata tra chi è favorevole ai vaccini e chi no, c’è un’infermiera …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *