Home / Lifestyle / Auto e motori / Auto: da VolksWagen a Mitsubishi. Arriva il Mitsugate

Auto: da VolksWagen a Mitsubishi. Arriva il Mitsugate

093840565-ed5c5bb1-eba7-45ac-9770-87c1a3edfddd

Tokyo. Dopo lo scandalo dieselgate targato VolksWagen, è giunta l’ora di un’altra casa automobilistica “truffatrice” in fatto di emissioni inquinanti: la Mitsubishi ha infatti ammesso la manipolazione dei dati – in pieno stile Wolfsburg – su oltre 600mila auto. E’ la versione nippo del dieselgate, ovvero il Mitsugate.

E’ stato Tetsuro Aika, presidente del gruppo, a rivelare il nuovo scandalo alla stampa; ed immediatamente il titolo Mitsubishi è crollato alla borsa di Tokyo, arrivando a perdere fino al 15%; “abbiamo scoperto che sono state alterate le rilevazioni sui consumi di carburante rispetto ai dati reali. Abbiamo anche constatato che i test sulle modalità di risparmio carburante non erano in linea con le normative giapponesi. Offriamo ai nostri clienti e a tutti i soggetti interessati le più profonde scuse”.

giapponemitsubishi

Nei giorni in cui la VolksWagen ha raggiunto un accordo per pagare 5mila dollari ad ogni cliente – più o meno 1 miliardo in totale – in modo da scongiurare il processo per frode negli Stati Uniti – un’altra tegola si abbatte sul mercato automobilistico. Che, comunque, sembra non patire più di tanto di questi scandali.

Però siamo solo all’inizio di una reazione a catena che, se scoppiasse definitivamente, potrebbe mettere alla frusta diversi nomi importanti. In fondo, il Mitsugate, è arrivato a poche ore da un’altro accordo economico raggiunto – questa volta proprio dalla Mitsubishi – e fissato a 84,5 milioni di dollari in favore di un gruppo di clienti indiretti che avevano intentato una class action contro il colosso giapponese.

(di Alessandro Marinai)

Leggi anche

Europei Tbilisi 2017 di scherma: la Toscana grande protagonista

Firenze. La Toscana fa “5+1”. Tanti, tra Livorno, Pisa e Siena, sono gli atleti che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *